Preventivi siti web: come calcolarli, cosa includere e come valutarli

da | 17 Aprile 2023 | Web Design, Freelance

Calcolare preventivi siti web

È davvero così facile realizzare preventivi per i siti web? Da web designer sempre più spesso mi capita di leggere sul web offerte mirabolanti di “Siti web in offerta a tot €”, pacchetti prestabiliti e via dicendo.

Ma il discorso non è così scontato come molti vogliono far credere e, soprattutto, i preventivi per i siti web rappresentano una fase fondamentale nella realizzazione di un progetto web. Prima di procedere con lo sviluppo del sito web, è necessario stabilire il costo preventivo, che dipende da numerosi fattori. Questa fase consente al cliente di evitare sorprese in termini di costi una volta che il sito web è stato realizzato e al web designer di esplicitare con precisione i servizi che andrà ad offrire durante nel suo lavoro.

Inoltre, realizzare un sito web al giorno d’oggi può essere molto complesso, nonostante i CMS come WordPress abbiano senza dubbio facilitato il lavoro agli addetti ai lavori e non.

Mentre il primo sito web (ancora oggi online), era una semplice directory, ovvero un elenco di collegamenti ipertestuali, di vari documenti, oggi un sito web può contenere decine, centinaia o migliaia di informazioni tra testi, immagini ed altri tipi di contenuti.

Proprio per questo motivo, i preventivi per i siti web vengono calcolati sulla base di variabili come il tipo di sito web, il numero di pagine, le funzionalità richieste, la complessità del design e altro ancora. È importante capire che ogni sito web è unico e, quindi, i costi per la sua realizzazione variano in base alle specifiche esigenze.

Inoltre, è importante sottolineare che la fase di preventivazione non è una perdita di tempo, ma rappresenta un’opportunità per discutere le esigenze del cliente e per concordare un piano di lavoro che rispecchi le sue aspettative.

 

Lato web designer: come calcolare i preventivi siti web

Il primo parametro da tenere in considerazione è la tipologia di sito web richiesto dal cliente. Come accennato in precedenza, un sito web può avere diversi obiettivi, dimensioni e funzionalità.

Un sito web one-page, che è composto di un’unica pagina, avrà un costo inferiore rispetto ad un sito più complesso con numerose pagine o funzionalità avanzate.

Un altro fattore importante da considerare è il design del sito web. Un design personalizzato richiede un lavoro creativo più impegnativo, ed avrà un costo maggiore rispetto a un template predefinito. Potrebbe però essere un investimento migliore per l’azienda, in quanto il sito avrebbe una comunicazione coordinata con la brand identity aziendale.

Il supplemento di funzionalità è un ulteriore elemento da tener conto nei preventivi di siti web. Nello specifico, la realizzazione di un e-commerce, con conseguente gestione dei pagamenti, inserimento dei prodotti, gestione utenti, ecc., può far lievitare il prezzo di un preventivo.

Altre funzionalità addizionali possono comprendere l’implementazione di un blog con la possibilità di commento da parte degli utenti, gestione di prenotazioni, integrazione con servizi esterni (pensiamo a TheFork in caso di ristoranti, o Booking per gli alberghi) ed altri ancora.

Il calcolo di preventivi per i siti web è quindi un processo complesso che dipende da numerosi fattori e può considerarsi a tutti gli effetti il primo step di un lavoro di web design.

Una valutazione accurata di tutti questi fattori consentirà di realizzare un preventivo preciso e di pianificare il lavoro in modo efficiente.

 

L’importanza dell’hosting nella realizzazione di un sito web

L’hosting è un elemento chiave per la realizzazione di un sito web di qualità.

Un hosting di bassa qualità può infatti influire negativamente sulla velocità di caricamento del sito web, sulla sicurezza e sulla disponibilità del sito. Per questo motivo, l’hosting è un parametro fondamentale da tenere in considerazione nello stilare un preventivo per un sito web.

La scelta dell’hosting giusto per il proprio sito web dipende anche dalle specifiche esigenze del sito. Inoltre, è importante considerare il budget a disposizione anche se è consigliabile non scegliere un hosting di bassa qualità soltanto per risparmiare denaro.

Una scelta a ribasso in questi ambito, potrebbe comportare ulteriori costi e problemi in futuro.

 

Lato cliente: come interpretare i preventivi siti web

Se sei un cliente che sta valutando preventivi per siti web, la prima cosa da fare è sincerarsi che il preventivo includa tutte le informazioni concordate con il professionista o l’agenzia. Queste possono includere il tipo di hosting, la tipologia di sito web, le funzionalità richieste ed anche eventuali costi di gestione mensili.

Infatti, un preventivo potrebbe includere anche costi di attività post-vendita come manutenzione, supporto tecnico o aggiornamento.

È fondamentale che tu fornisca al professionista incaricato di sviluppare il sito web tutte le informazioni necessarie per ottenere un preventivo accurato. Devono essere presenti nel dettaglio le singole voci ed i relativi costi dei diversi servizi.

Nel preventivo dovrebbero essere poi specificate le scadenze e le politiche di pagamento, quindi eventuali percentuali di acconto da versare e termini massimi entro cui saldare il conto totale.

Per interpretare un preventivo per un sito web, è importante valutare la completezza e l’accuratezza del documento, controllando tutte le voci e i costi previsti. È importante anche comprendere le politiche di pagamento e di rimborso dell’agenzia o del professionista incaricato e chiedere eventuali chiarimenti per avere una maggiore chiarezza sul progetto.

 

Cosa devono contenere i preventivi per siti web?

Abbiamo accennato che ogni preventivo deve essere stilato sulla base delle caratteristiche specifiche di ogni sito e di ogni progetto.

D’altra parte, esistono però una serie di elementi comuni che sono presenti nella maggior parte dei preventivi per i siti web, e che compongono le parti principali di un sito.

Un preventivo valido dovrebbe contenere (e spiegare nel dettaglio), le seguenti voci:.

  • Hosting e dominio: specifiche relative al servizio di hosting scelto, numero di domini, annualità e rinnovi;
  • Normativa relativa ai cookie e privacy policy: costi di acquisto di plugin dedicati oppure costi di un legale per la stesura di normative specifiche;
  • Configurazione di tema e plugin: specifiche del tema e di plugin eventualmente da acquistare per funzionalità aggiuntive;
  • Caratteristiche del design del sito e pagine: struttura grafica del sito, numero e tipologie di pagine, design del menu e di sezioni interne;
  • Ottimizzazione responsive del sito: considerando che ad oggi circa il 55% della navigazione avviene da mobile, è fondamentale prevedere visualizzazioni differenti da smartphone;
  • Attività di copywriting ed ottimizzazione SEO: posizionare un sito web nelle prime pagine di Google richiede una serie di attività che vanno quotate a parte;
  • Configurazione di Google Analytics e Google Search Console: per monitorare il traffico del sito ed analizzarne i dati;
  • Creazione di immagini e grafiche ad hocin caso di landing page o sezioni specifiche del sito;
  • Acquisto di eventuali immagini stock: si può ricorrere all’acquisto di immagini in caso di carenza di materiale fotografico;
  • Funzionalità base: specificare le funzionalità base richieste come la creazione di un form di contatti o l’implementazione di mappe e recensioni Google;
  • Funzionalità di sicurezza aggiuntive: pagine/sezioni protette da password, pagina di accesso protetto ed altro;
  • Formazione all’utilizzo di WordPress: si possono includere alcune ore di formazione per rendere il cliente autonomo nella gestione del sito;
  • Supporto tecnico per i primi mesi

 

Come scegliere il miglior preventivo per il tuo sito web

In fase di decisione, è opportuno valutare con attenzione il preventivo, o i preventivi siti web che abbiamo ricevuto, per poter scegliere in maniera adeguata.

Il primo passo è quello di verificare se il preventivo include tutti i servizi richiesti e le funzionalità desiderate. Inoltre, è importante valutare la qualità del servizio offerto e la professionalità dell’agenzia o del professionista incaricato.

Un altro aspetto da considerare è il prezzo del preventivo. Non sempre il prezzo più basso è il migliore. Un prezzo inferiore potrebbe nascondere una qualità minore del lavoro, che si potrebbe tradurre in una spesa supplementare per “aggiustare” il lavoro svolto al risparmio.

Un preventivo dovrebbe poi indicare, approssimativamente, la tempistica prevista per la realizzazione del progetto. I tempi presenti su un preventivo sono spesso indicativi e possono essere soggetti a variazioni ed allungamenti per cause tecniche. Tuttavia, il professionista è sempre tenuto a rispettare, salvo impedimenti di altro genere, le scadenze indicate in fase iniziale.

Per poter decidere in maniera corretta, è possibile inoltre verificare le referenze dell’agenzia o del professionista a cui ci stiamo rivolgendo. Si possono controllare le recensioni online, chiedere referenze o visionare un portfolio con i lavori svolti precedentemente.

Con un’attenta valutazione dei preventivi disponibili, è possibile scegliere quello più adatto alle tue esigenze e ottenere un sito web di alta qualità.

 

I rischi di un preventivo troppo basso

Scegliere un preventivo troppo basso per la realizzazione di un sito web può sembrare una scelta conveniente a breve termine, ma può portare a problemi e rischi a lungo termine.
Un preventivo eccessivamente economico potrebbe infatti portare a problemi durante lo sviluppo del sito web o a un risultato finale di scarsa qualità.

È importante tenere a mente il cosiddetto “triangolo del progetto”, che prevede i parametri di tempo, denaro e qualità.

Triangolo della progettazione per quantificare i preventivi per siti web

Il triangolo del progetto si basa sui fattori di budget, qualità e tempi di realizzazione – Immagine Medium

Generalmente le persone chiedono lavori che tocchino tutti e tre gli angoli del triangolo, ovvero qualitativamente alti, a basso costo e realizzati in tempi brevi. Nella pratica, però, questo non è possibile ed il triangolo esprime esattamente questo concetto. Al massimo due di questi parametri possono essere presi contemporaneamente, con il risultato che ne consegue:

  • Alta qualità e basso costo: lavoro economico e qualitativo, ma con bassa priorità (lunghi tempi di realizzazione);
  • Basso costo e velocità di realizzazione: lavoro economico e realizzato in tempi brevi, ma di bassa qualità;
  • Velocità di realizzazione ed alta qualità: lavoro ben eseguito ma estremamente costoso.

Per questo motivo, è importante valutare con attenzione quali siano le nostre priorità nella scelta di un preventivo per un sito web.
Se, ad esempio, non abbiamo particolarmente fretta, la soluzione adottabile potrebbe essere quella di un lavoro meno costoso ma ben realizzato, anche se con tempi più lunghi.

 

Conclusioni

In questo articolo abbiamo esplorato l’importanza di realizzare oppure ottenere un preventivo accurato per la realizzazione di un sito web, fornendo consigli su come ottenere un preventivo e su come scegliere il preventivo migliore per le proprie esigenze.

Un preventivo accurato può aiutare ad evitare sorprese e costi aggiuntivi durante lo sviluppo del sito web, consentendo di pianificare e gestire il progetto in modo più efficace.

È altresì importante valutare con criterio un preventivo, interpretandolo sulla base di costi, esigenze e servizi offerti.

Scegliere il preventivo migliore per le proprie esigenze richiede tempo e attenzione, ma può portare a risultati eccellenti e soddisfacenti a lungo termine.

Contattami se hai bisogno di un preventivo personalizzato e completo per la realizzazione del tuo progetto web.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 5 =